Linkedin Page
MDWI - Network Partner

MakeDealWhereIs

MakeDealWhereIs / Legale  / Coronavirus e Contratti
p

Coronavirus e Contratti

 L’attuale momento ha certamente un impatto non solo sui contratti in essere ma anche sulla redditività futura dei contratti in fase di conclusione.

Pertanto, in pillole, si evidenzia quanto segue:

Quanto al primo aspetto (contratti già in essere): il Covid 19 si pone come un evento imprevedibile che sopravviene alla conclusione del contratto ed impatta sull’efficacia dello stesso.

Nonostante la notizia del Covid 19 sia riportata sui giornali di tutto il mondo, è prudente dare comunque informazione alle varie controparti contrattuali non solo dell’epidemia in atto e dell’inasprimento dei provvedimenti governativi, ma pure della possibile ricaduta sulla produzione e/o sul rispetto dei termini: rimane infatti fermo l’obbligo di diligenza di ciascuna parte di limitare comunque il danno che può scaturirne per l’altra parte contrattuale.

Quanto al secondo aspetto (contratti in fase di firma): l’emergenza Covid-19 non costituisce fatto nuovo al momento della conclusione del contratto e potrebbe determinare in futuro ripercussioni negative sulla attesa redditività del contratto stesso (che ben potrebbe risultare inferiore a quella prevista anteriormente alla manifestazione della epidemia). Inoltre il Covid 19 potrebbe incidere sul costo della prestazione rendendola ingiustificatamente gravosa per la società.

Per ovviare a tale situazione è opportuno e necessario inserire nel contratto apposita clausola che consenta di rinegoziare successivamente alcuni aspetti, quali ad es. il prezzo, collegando la rinegoziazione al verificarsi di alcune circostanze predeterminate nonché alla facoltà, se del caso, di liberarsi dal contratto.

Da ultimo: in relazione ai contratti già in corso il Covid 19, quale fatto nuovo, potrebbe anzitutto essere invocato quale forza maggiore laddove la prestazione sia divenuta impossibile con conseguente estinzione della stessa. Va tuttavia considerato che allo stato il Governo Italiano non ha impedito in assoluto l’attività produttiva così che la posizione di ogni società dovrà essere valutata singolarmente.

Inoltre, nei contratti a prestazioni corrispettive, il Covid 19 potrebbe esser invocato quale avvenimento eccezionale ed imprevedibile che impatta sulla prestazione della parte rendendola eccessivamente onerosa. In tal caso, tuttavia, si segnala che non vi è automaticità alcuna nel rinegoziare il contratto: la parte che invoca la eccessiva onerosità ha diritto alla sola risoluzione del contratto mentre è facoltà dell’altra parte offrire di ricondurre il contratto a condizioni eque. Rimane estraneo a tale previsione il contratto con obbligazioni di una sola parte, ossia quel contratto che si concretizza esclusivamente nel sacrificio di una parte senza che a ciò si accompagni obbligazione alcuna della controparte: in questo caso, il sacrificio della parte dà diritto alla stessa di chiedere una riduzione della prestazione sufficiente a ricondurla ad equità.

No Comments

Post a Comment